ABOUT KYSH

THE FOUNDER

ABOUT KYSH

THE FOUNDER

Alessia Kish è la mente e il cuore pulsante dietro Kysh Cosmetics.
La sua idea di selfie-care è un invito ad amare e curare ogni parte del proprio corpo, compresa la zona intima, con prodotti specifici, sicuri ed efficaci.
Per questo ho creato Kysh, il brand di intimate care italiano nato dalla voglia di liberare la conversazione sulla vulva da anni stereotipi, imbarazzi e tabù.
Un progetto curato nei minimi dettagli, dalle formule alla fragranze passando per l’estetica del gusto elegante accogliente e sicuro, pensato per tutte le donne.
Pronte a conoscerla meglio?

La passione per il mondo beauty c’è sempre stata, sin dai primi ricordi d’infanzia. Quello della bellezza è un mondo che mi emoziona tantissimo. In questo senso il mio primo amore sono stati i profumi: ci sono tante forme di arte, e per me i profumi sono una di queste. Quando guardiamo un quadro o sentiamo una canzone abbiamo dei tempi diversi per emozionarci, con i profumi invece abbiamo un ritorno immediato. Ed è per questo che per me le fragranze sono cosi importanti, perché sono in grado di suscitare emozioni in modo totalitario ed immediato, e sono un mezzo potentissimo che in pochi secondi può far rivivere momenti della vita dimenticati, farci sentire belle, forti, serene o sicure di noi. Il mio sogno è sempre stato entrare in questo mondo, e così dopo il percorso accademico in ambito creativo ho iniziato a muovere i primi passi nel mondo del lavoro come assistente per eventi e marketing, responsabile e-commerce per alcune realtà beauty italiane, e come project manager per un’azienda farmaceutica nazionale.

Era il 2017, molto prima che iniziassi a lavorare nel beauty, e stavo parlando con le mie amiche di quanto la ceretta fosse irritante per la pelle di una zona così sensibile come l’inguine, e di quanto fosse difficile trovare prodotti sicuri, affidabili e specifici per la zona intima femminile senza dover passare per la farmacia o per il sexy shop. Non c’era un brand italiano dedicato interamente alla zona V che fosse pura skincare, senza dover scadere nel clinico o sessualmente connotato. Quindi ho iniziato a fare ricerca, osservando anche i brand oltreoceano e trovandone alcuni che rispecchiavano la mia idea di cura della zona intima. Ma mi sentivo ancora un po’ acerba e sapevo che prima avrei voluto fare alcune esperienze lavorative nel settore, e quindi ho messo tutto in stand-by. Ho ripreso in mano questo progetto solo quando mi sono sentita davvero pronta. Ed ecco che è nato Kysh. Ho creato un brand che in primis servisse a me, e poi che fosse adatto ad ogni donna.
Quando ho iniziato ad immaginare Kysh ho pensato subito a qualcosa che andasse oltre il semplice prodotto. Un mondo femminile e contemporaneo, fatto di formule sicure ed efficaci. Ma soprattutto, un universo profumato proprio perché le fragranze sono da sempre una delle mie più grandi passioni, e una delle cose che ricerco quando acquisto un nuovo prodotto. La fragranza Kysh è il fiore all’occhiello dei prodotti: delicata, senza allergeni e assolutamente adatta ad essere inserita in un prodotto intimo.
Non ho mai pensato che creare un brand da zero fosse un gioco da ragazze…ma in questi mesi mi sono resa conto è un processo ancora più difficile di come avevo immaginato. Le insidie, i rallentamenti, gli imprevisti sono dietro l’angolo. Una cosa che mi è piaciuta da matti invece è stata la creazione dei prodotti: creare con i formulatori, ricevere campioni da testare, sistemare e cambiare le formule…una cosa che non avevo mai fatto prima. È molto bello pensare alle esigenze della consumatrice reale, e mettere a punto prodotti efficaci, innovativi e utili a soddisfare le esigenze delle donne di tutte le età.
Non rinuncio mai al piacere di una skincare routine quotidiana: non solo viso: utilizzo prodotti diversi per ogni parte del corpo, zona intima inclusa. La scelta del profumo poi è un momento fondamentale, che scelgo a seconda dell’umore o del tipo di giornata che mi aspetta. Infine, quando ho un po’ più di tempo (bastano anche venti minuti) mi concedo il piacere di un bagno caldo rilassante, sommersa da saponi, oli essenziali e bolle profumatissime.
È una domanda complicata e penso che non ci sia una risposta corretta universale per ogni donna. Quindi parto da me, dalla mia esperienza. Nella vita mi è capitato spesso di dover fare i conti con la scarsa sicurezza in me, nel mio corpo. E spesso prendermene cura anche quando avrei voluto che fosse diverso è stato un atto rivoluzionario di self-love. Credo che la nostra bellezza e unicità debba essere fonte di fiducia e sicurezza, lontana dai canoni e dagli stereotipi che ci vogliono diverse. E che i grandi cambiamenti partano dai piccoli gesti, passando anche per la cura per noi stesse. Che deve essere globale, e interessare anche quelle aree spesso tabù come la zona intima.

La passione per il mondo beauty c’è sempre stata, sin dai primi ricordi d’infanzia. Quello della bellezza è un mondo che mi emoziona tantissimo. In questo senso il mio primo amore sono stati i profumi: ci sono tante forme di arte, e per me i profumi sono una di queste. Quando guardiamo un quadro o sentiamo una canzone abbiamo dei tempi diversi per emozionarci, con i profumi invece abbiamo un ritorno immediato. Ed è per questo che per me le fragranze sono cosi importanti, perché sono in grado di suscitare emozioni in modo totalitario ed immediato, e sono un mezzo potentissimo che in pochi secondi può far rivivere momenti della vita dimenticati, farci sentire belle, forti, serene o sicure di noi. Il mio sogno è sempre stato entrare in questo mondo, e così dopo il percorso accademico in ambito creativo ho iniziato a muovere i primi passi nel mondo del lavoro come assistente per eventi e marketing, responsabile e-commerce per alcune realtà beauty italiane, e come project manager per un’azienda farmaceutica nazionale.

Era il 2017, molto prima che iniziassi a lavorare nel beauty, e stavo parlando con le mie amiche di quanto la ceretta fosse irritante per la pelle di una zona così sensibile come l’inguine, e di quanto fosse difficile trovare prodotti sicuri, affidabili e specifici per la zona intima femminile senza dover passare per la farmacia o per il sexy shop. Non c’era un brand italiano dedicato interamente alla zona V che fosse pura skincare, senza dover scadere nel clinico o sessualmente connotato. Quindi ho iniziato a fare ricerca, osservando anche i brand oltreoceano e trovandone alcuni che rispecchiavano la mia idea di cura della zona intima. Ma mi sentivo ancora un po’ acerba e sapevo che prima avrei voluto fare alcune esperienze lavorative nel settore, e quindi ho messo tutto in stand-by. Ho ripreso in mano questo progetto solo quando mi sono sentita davvero pronta. Ed ecco che è nato Kysh. Ho creato un brand che in primis servisse a me, e poi che fosse adatto ad ogni donna.

Quando ho iniziato ad immaginare Kysh ho pensato subito a qualcosa che andasse oltre il semplice prodotto. Un mondo femminile e contemporaneo, fatto di formule sicure ed efficaci. Ma soprattutto, un universo profumato proprio perché le fragranze sono da sempre una delle mie più grandi passioni, e una delle cose che ricerco quando acquisto un nuovo prodotto. La fragranza Kysh è il fiore all’occhiello dei prodotti: delicata, senza allergeni e assolutamente adatta ad essere inserita in un prodotto intimo.

Non ho mai pensato che creare un brand da zero fosse un gioco da ragazze…ma in questi mesi mi sono resa conto è un processo ancora più difficile di come avevo immaginato. Le insidie, i rallentamenti, gli imprevisti sono dietro l’angolo. Una cosa che mi è piaciuta da matti invece è stata la creazione dei prodotti: creare con i formulatori, ricevere campioni da testare, sistemare e cambiare le formule…una cosa che non avevo mai fatto prima. È molto bello pensare alle esigenze della consumatrice reale, e mettere a punto prodotti efficaci, innovativi e utili a soddisfare le esigenze delle donne di tutte le età.

Non rinuncio mai al piacere di una skincare routine quotidiana: non solo viso: utilizzo prodotti diversi per ogni parte del corpo, zona intima inclusa. La scelta del profumo poi è un momento fondamentale, che scelgo a seconda dell’umore o del tipo di giornata che mi aspetta. Infine, quando ho un po’ più di tempo (bastano anche venti minuti) mi concedo il piacere di un bagno caldo rilassante, sommersa da saponi, oli essenziali e bolle profumatissime.

È una domanda complicata e penso che non ci sia una risposta corretta universale per ogni donna. Quindi parto da me, dalla mia esperienza. Nella vita mi è capitato spesso di dover fare i conti con la scarsa sicurezza in me, nel mio corpo. E spesso prendermene cura anche quando avrei voluto che fosse diverso è stato un atto rivoluzionario di self-love. Credo che la nostra bellezza e unicità debba essere fonte di fiducia e sicurezza, lontana dai canoni e dagli stereotipi che ci vogliono diverse. E che i grandi cambiamenti partano dai piccoli gesti, passando anche per la cura per noi stesse. Che deve essere globale, e interessare anche quelle aree spesso tabù come la zona intima.

THE DISCOVERY SET

5.00

INTIMATE WIPES

15.00

REFRESHING MIST

25.0060.00

LIGHTENING SERUM

80.00

ANTI-AGING CREAM

90.00

HYDRATING SERUM

70.00